Comunità Pastorale "Visitazione di Maria Vergine"

Parrocchia SS. Salvatore (Cormano) Parrocchia Sacro Cuore di Gesù (Molinazzo)Parrocchia S. Vincenzo (Brusuglio)Parrocchia Buon Pastore (Ospitaletto)
 

 

 

 

 

 

SIR Avvenire L'Osservatore Romano TV2000   Conferenza Episcopale Italiana Testimoni Digitali FISC 
 
Pagina iniziale 22858575 22852950 (`@````````` 266 263 5 110183775 110178150 1 1 7560000 10692000 359410 259 261 257 276 262 279 1 0`````````````````````` 5 1 1 285 282 1 False 0 0 0 0 -1 304800 243 True 128 77 255 3175 3175 70 True True True True True 278 134217728 1 3 -9999996.000000 -9999996.000000 8 Empty 16711680 52479 26367 281 1 7560000 10692000 359410 259 261 257 276 262 279 1 0`````````````````````` 5 1 1 285 282 1 False 0 0 0 0 -1 304800 243 True 128 77 255 3175 3175 70 True True True True True 278 134217728 1 1 -9999996.000000 -9999996.000000 8 Empty 16711680 52479 26367 13421772 16737792 13382502 16777215 Pettirosso 22858575 22852950 (`@````````` 266 263 5 110183775 110178150

E' iniziato il nuovo sinodo dei giovani, e la Chiesa si mette in gioco...

Riportiamo di seguito un commento all’apertura del Sinodo dei Giovani, a firma del giornalista Alberto Bobbio, apparso i giorni scorsi sulle pagine del quotidiano “L’Eco di Bergamo”. Aiuta a comprendere la posta in gioco e la riflessione di Papa Francesco nel discorso di apertura del sinodo stesso.

“Il Sinodo sui giovani è cominciato ieri (mercoledì 3 ottobre u.s.). Ma è già chiaro che non si discuterà di giovani come categoria da riconquistare. Le parole del Papa nell’omelia della Messa di apertura e poi nel pomeriggio in aula hanno indicato chiaramente la strada che deve prendere il Sinodo e di cosa si dovrà discutere. Più che un Sinodo sui giovani sarà un Sinodo sulla Chiesa, perché i giovani non si accontentano di una Chiesa dalle mezze misure e ne sognano una radicalmente cristiana, che non ha paura di tenere in mano il Vangelo.

C’è insomma una Chiesa che manca e il Sinodo può aiutare a ritrovarla. È questa la posta in gioco. Non dovrà tanto occuparsi di quali giovani vanno bene per la Chiesa, ma esattamente il contrario e cioè domandarsi su cosa la Chiesa ha inciampato per essere oggi così lontana dalle giovani generazioni. Bergoglio ha indicato con perfetta chiarezza la strada sulla quale il Sinodo deve incamminarsi. Ha detto che occorre cambiare ciò che ci paralizza. Ed è tornato a proporre il ragionamento sul clericalismo che fa da cinque anni, ma che evidentemente ancora suona strano. Così ogni volta alza il tono e ieri lo ha definito una «perversione radice di tanti mali». Ha chiesto di uscire dagli «stereotipi» e precisato che un Sinodo non serve per fare documenti che pochi leggono e molti criticano. Bergoglio ha posto la questione delle questioni: va cambiato ciò che blocca e atrofizza. E quando la Chiesa è paralizzata vuol dire che non è più grado di camminare accanto alle donne, agli uomini, ai bambini, ai giovani dentro la Storia.

Una Chiesa paralizzata tradisce il Vangelo, perché lo nasconde, perché non ne libera le parole. Una Chiesa paralizzata sa dire solo cosa si deve o non si deve fare. Una Chiesa paralizzata non è amica di nessuno. Una Chiesa paralizzata si difende, non ascolta e impone. Una Chiesa paralizzata considera i fedeli destinatari passivi del culto e di lunghe prediche.
Il Papa invece ha invitato a mettere da parte «pregiudizi» e a stimolare speranza, fiducia, a «fasciare ferite», a «intrecciare relazioni». Il Sinodo aperto in questi giorni, a cinque anni dall’inizio del Pontificato e dalla pubblicazione dell’«Evangelii gaudium» di cui ne è il manifesto, è una tappa cruciale nel processo di rinnovamento sulla scia del Concilio. Non è un caso infatti che proprio nel bel mezzo del Sinodo Bergoglio abbia voluto la canonizzazione di Paolo VI e di Oscar Arnulfo Romero, il Papa che ha guidato il Concilio dopo l’intuizione di Roncalli e il vescovo che è stato ucciso sull’altare di una Chiesa dalla parte dei poveri e degli oppressi, secondo le indicazioni del Concilio. Visione e profezia sono state la guida per Montini e per Romero. E visione e profezia sono le parole chiave del Sinodo.
I giovani diventano la misura della capacità della Chiesa di parlare al mondo. Oggi sono ai margini quasi dappertutto. Nessuno li interpella sul futuro, pochissimi investono in formazione, perché è meglio avere giovani disabituati al confronto analitico dei problemi, così che i tribuni del popolo possano giocare tranquilli la partita. Solo la Chiesa ha osato interpellarli. Loro hanno risposto mettendola in imbarazzo, spiegando che non se ne sono andati, ma che semplicemente a loro parere la Chiesa sta in un altro mondo, non il loro. Se avessero sbattuto la porta sarebbe stato forse tutto più facile.
Il Papa ieri ha parlato di Chiesa «in debito di ascolto», «chiusa alle novità» e alle «sorprese di Dio». È un discorso duro, perfino spietato. Il cardinale brasiliano Sergio Da Rocha, relatore generale del Sinodo ha riconosciuto che le inquietudini dei giovani hanno messo in discussione la prassi della Chiesa. È accaduto in passato e speriamo accada anche in futuro. Ma deve assumersi il rischio e non dire più – ha sottolineato il Papa ancora una volta – «si è sempre fatto così».
Bergoglio ha chiesto al Sinodo uno sforzo per rendere il Vangelo più affascinante per tutti e la Chiesa più coerente nella testimonianza. Ma va fatto in fretta, perché i giovani non possono più aspettare, ha lasciato capire il Papa, perché solo la Chiesa può lottare con loro contro i «mercanti della morte», che oscurano visioni, frantumano sogni e prescrivono ai giovani l’identità debole, che li fa incerti e non più appassionati di ogni ricerca. Compresa quella di Dio”.
Nelle prossime settimane accompagniamo i lavori del Sinodo dei Giovani con la preghiera e l’informazione della stampa e dei mass media. E’ in gioco il futuro della Chiesa o meglio… la ragione stessa del suo esistere.
 

Consiglio pastorale
Liturgia Scuole dell'Infanzia
Archivio In Cammino Università Terza Età
Archivio informatore Gruppi sportivi
Opere caritative Residenza  San Cristoforo
Don Gigi Musazzi (parroco) Via Roma 6 tel. 0245499663 - 339/1368297 gianluigim@libero.it  - Don Emilio Rimoldi Via Comasinella 6 tel. 0236687755 - 392/2635957 donemilio.rimoldi@gmail.com - Don Alessandro Bonura Via D’annunzio 9 tel. 0266302514 - 348/7701416 donale79@hotmail.it - Don Marco Fumagalli Via Roma 10 tel. 0287213715 - 338/3064215 dmarcofuma@gmail.com - Suore Brusuglio: via Comasinella 6 tel.0236687756 suorebrusuglio@libero.it - Don Silvano Colombo tel. 02/66.30.24.09 - 338/7457985 info@sacrocuoremolinazzo.com - Suore Ospitaletto Via Alfieri  tel.346/6314105 - Centro ascolto Caritas Via Roma 6 tel.328/1995049  Centro Famiglia via Villoresi 43 Bresso tel. 0266503439 - www.chiesadicormano.it